Ritorto d'Alsazia DMC: SCONTO 10%

Scritto da: Silvia Bonacina In: Ricamo Su: mercoledì, settembre 27, 2017 Commento: 0 Colpire: 283
Un filato versatile e brillante che saprà valorizzare i nostri ricami in rilievo! 

Noi creative siamo sempre alla ricerca di una fonte d’ispirazione unica che ci aiuti a confezionare creazioni d’impatto che portino la nostra inconfondibile firma.

Spesso ci aiuta la Natura che con i suoi colori mutevoli e variegati ci fornisce tantissimi spunti, soprattutto per quello che il lato botanico: fiori e foglie sono sicuramente i soggetti più utilizzati non soltanto come cornice per completare un ricamo ma anche come veri protagonisti. Durante il trascorrere delle stagioni le sfumature si susseguono e quindi offrono diverse combinazioni interessanti che ben si prestano per raffigurare interi paesaggi oppure solo piccoli dettagli.

In generale qualunque sia la fonte d’ispirazione è fondamentale la scelta del supporto ricamabile e soprattutto del filato. In base al punto che decidiamo di realizzare bisogna riflettere sul tessuto che potrebbe valorizzarlo il più possibile, così come il filato. Vediamo nel dettaglio qualche esempio.

Se volessimo confezionare un ricamo utilizzando la tecnica del punto croce avremmo a disposizione diverse alternative a livello di tessuti ricamabili: la classica tela aida , il lino, il misto lino. Ovviamente l’effetto sarà differente perché le trame non sono tutte uguali: la tela aida crea un effetto leggermente più squadrato e in base ai fori il disegno risulterà più o meno “allargato”; il lino e il misto lino, invece, offrono un risultato più compatto ed elegante. Per quanto riguarda il filato quello per eccellenza è il mouliné DMC che risulta brillante, resistente ai lavaggi e molto scorrevole durante la lavorazione.

Se, invece, amiamo di più il ricamo classico allora potremmo scegliere come filato il RITORTO D’ALSAZIA della DMC perché si presta benissimo per realizzare ricami in diverse tecniche e perché attualmente è in SCONTO AL 10% sul nostro sito!

Le sue caratteristiche lo rendono molto versatile e nel dettaglio possiamo dire che risulta molto brillante ed estremamente resistente essendo ritorto a 2 capi; la scelta del miglior cotone a fibra lunga d’Egitto e la doppia mercerizzazione garantiscono la qualità e la lucentezza che difficilmente trovano eguali. Non si attorciglia e non si annoda durante la lavorazione scorrendo con facilità attraverso il tessuto. Inoltre la gamma di colori è molto ampia ed è disponibile nelle grossezze 5, 8 e 12.

Come possiamo notare le sue caratteristiche lo rendono praticamente perfetto per il ricamo tradizionale, spaziando dal classico punto antico arrivando fino all’Hardanger.

Volendo si presta benissimo anche per il ricamo libero come il punto erba e il punto catenella regalando un effetto in rilievo davvero apprezzabile.

Anche la sua cura non richiede accorgimenti particolari rendendolo quindi di facile utilizzo. Se abbiamo scelto un supporto in cotone o il lino allora sarà possibile lavare il tutto a mano o in lavatrice a 95° utilizzando un sapone neutro e il più delicato possibile, ovviamente senza aggiungere candeggina o detersivi aggressivi che potrebbero rovinare la brillantezza dei colori. Terminato il lavaggio è consigliato avvolgere il ricamo in una spugna per eliminare l’acqua in eccesso e lasciarlo asciugare su una superficie piana. A questo punto si potrà stirare anche a medie temperature sempre dal rovescio, appoggiando il ricamo su un panno pulito.

Se invece il supporto è sintetico allora è preferibile lavare il ricamo a mano in acqua fredda e seguire le procedure di asciugatura e stiratura che valgono per il cotone e il lino.

Con un filato così non possiamo di certo resistere alla tentazione di confezionare ricami diversi dal solito prendendo come fonte d’ispirazione il mondo che ci circonda …

Commenti

Lascia il tuo commento

Notizie dal nostro Blog